Cristina Finocchi Mahne propone spunti di crescita da seiguire in seguito all' emergenza sanitaria

Tra regole “fit and proper”, digitalizzazione, mobilità sostenibile ed economia circolare.

Che cosa si può imparare da questa emergenza e come sarà il mondo quando sarà superata?

Ad aiutarci a rivolgere lo sguardo al futuro dell’economia sono le riflessioni e le raccomandazioni di Cristina Finocchi Mahne, economista aziendale, Consigliere di amministrazione e Presidente anche di Comitati endoconsiliari di società quotate in Italia e all’esterno, nonché membro del Comitato Scientifico di Kindacom.

Nel panorama che si sta delineando tre sono gli aspetti fondamentali su cui Cristina Finocchi Mahne concentra le sue riflessioni e propone spunti di crescita: 

  1.  La competenza e l’esperienza della classe dirigente politica
  2. Lo sviluppo di best practice in campo digital 
  3. L’orientamento al Green Deal, alla produttività ecologica e alla mobilità sostenibile

Questo momento è una grande ed unica occasione per ripensare il nostro sistema.

Un’occasione per puntare alla costruzione di una società economica aperta e flessibile orientata alle competenze, alla digitalizzazione e alla sostenibilità. Ma anche un’occasione unica per spingere l’acceleratore su nuove strategie di crescita economica, attraverso il passaggio a un’economia pulita e circolare.

Come potrebbe essere quindi il mondo alla fine di questa emergenza? Certamente un mondo più equilibrato e sostenibile, se sapremo orientare il nostro impegno nella direzione giusta!

https://www.youtube.com/watch?v=lX741je8Zq4&t=7s


L'empatia fa bene al business e si può imparare

L’empatia fa bene al business e si può imparare.

This article has been published by World Economic Forum 

Contributors:
Silvia Castrogiovanni - Founder Kindacom
Elena Pattini Vice Chairman, Kindacom Scientific Committee

 

  • Empathy – the ability to detect and understand other people's feelings – can be improved through training and practice.
  • In a professional context, improving empathy can reduce stress, build more positive relationships, and even boost revenues.
  • Here's how leaders and managers can start to build more empathic environments at work.

Empathy, defined as the ability to detect other people's feelings, constitutes the basis for quality human relationships; however, it is often a capacity we are unable to exploit, mostly due to cultural constraints. This holds true in different social contexts, from personal to professional. However, our empathic capacities can be recruited and trained through constant practice, and become great resources for genuine and productive relationships.

Empathy, in fact, represents the antithesis of individualism, of abuse of power, and of disconnection among human beings – and these are the pillars of stressful environments filled with tension and social conflict.

Active listening with suspended judgment, attitude to observation, and conscious choice of the most appropriate verbal and non-verbal language are just some of the key ingredients of empathic relationships that comply with the values of authenticity and closeness.

Knowing and understanding what is happening in our brain and in the person with whom we interact is an essential prerequisite for training empathy and expressing it also within business realities. Investing time and energy in establishing positive and long-lasting relationships is a sustainable choice that pays back in the long term. An empathic environment can increase understanding among coworkers, quality engagement and leadership efficacy, and can improve relationships with clients and stakeholders. In this way, companies are less exposed to internal or external ‘attacks’, because they are ‘protected’ by a relational network of mutual trust and are more effective in achieving goals.

What is empathy? And how does it work?

Neuroscience offers strong evidence of the fact that we are all connected. The discovery of mirror neurons in the early 1990s by a team at the University of Parma led by Giacomo Rizzolatti provided scientific evidence that humans are biologically ‘programmed’ to connect with each other. Mirror neurons are brain cells that are activated both when we perform a motor act and when we see it being performed by someone else; in other words, they make human brains ‘tune in’ to each other. Remarkably, the same mechanism occurs both during the execution/observation of a motor act and during the expression/observation of emotions. In fact, the subjective experience of emotions (such as joy or pain) and the observation of someone else experiencing the same emotion activate overlapping brain areas, as if the observer was really feeling that emotion.

https://www.youtube.com/watch?v=rPVNAESOWSo&feature=emb_logo

Mirror neurons are, therefore, believed to be the building blocks of empathy. However, if the automatic activation of these shared representations of emotions was enough to induce empathy, we would be in permanent emotional turmoil. In contrast, it seems that we do not empathize all the time and that far from being automatic, empathy is instead explained by a complex set of cognitive and motivational factors. A deeper understanding of these factors can help us recruit and express our empathic capacities appropriately in everyday life and regenerate and nurture relationships in different personal and professional contexts.

From a professional point of view, the key point is to emphasize the importance of empathy in the company. Doing so will create a useful tool; the voluntary activation of empathic behaviors can transform exploitative and opportunistic relationships into more positive relationships in which people feel more valued and appreciated. This applies to any level, activity or sector. Let’s consider some examples.

How can managers who lead team members in a company deal with an emergency situation or difficult times at the workplace? How can leaders be empathetic in these circumstances? One of the best ways to show empathy is through conversation, for example by conveying clear messages in a sound relationship based on trust and confidence. It is of strategic importance to increase the value of each team member and listen to their feedback, acknowledging and empowering their role and expertise, so that everyone can feel valued within a trustful context.

https://www.youtube.com/watch?v=-DspKSYxYDM&feature=emb_logo

Let’s also think about financial consultants who have to deal with the irrational emotions of their clients during a stock market crash. This is a stressful situation that puts even the most expert financial consultant under pressure. Major financial operators confirm that those who show empathy and closeness to the client obtain the best results. During these critical situations, financial consultants should be more proactive with their clients, by reassuring them without underestimating or exaggerating the impact of the situation on their savings, and by ensuring constant support to help them overcome this moment of fear and impulsiveness. The goal is to help their clients make informed choices with the utmost clarity.

Another example comes from conversational marketing, where communication with customers to sell products takes place digitally, through online platforms. Obviously, remote communication – via, for example chat, mail, video chat or telephone – can easily generate many misunderstandings. This is a sort of mediated relationship where the physical presence of the operator, which carries the most effective communication messages, is missing. Expressing empathic capacities in this context means using appropriate language with the right tone of voice to better understand the customer's wants and needs. Also, the choice of the right words and even emoticons is key to achieve closeness with the customer during written communication. The use of empathy in these forms of remote communication is therefore a fundamental tool for establishing a closer relationship with customers in order to best meet their requirements.

Moreover, nowadays employees are often asked to achieve significant revenue goals in a short span of time, particularly sales representatives. Sales in the commercial sector are constantly under pressure, with increasingly ambitious budgets and shorter deadlines than ever. In this stressful environment, company leaders must be able to systematically welcome feedback from those employees on the frontline and offer them constant support with clear and fast suggestions and operational instructions. This will enable the establishment of empathic relationships that can ease tension and result in increased revenue.

In all these circumstances, empathy represents a really effective antidote against stress. It allows a better connection with clients and collaborators and it provides a way to create relationships based on trust, closeness and proactive behaviours with any partner. Unsurprisingly, empathy has been recognized as one of the key competencies for the future by the European Council.

Empathy, therefore, is a sustainability tool that can help us create a far better environment in which to live and work. It is both something we can learn how to use and a resource that we can use to learn.


rizzolati header4

Giacomo Rizzolatti e le neuroscienze: pensieri per una sostenibilità senza tempo

La scoperta dei neuroni specchio, avvenuta a Parma agli inizi degli anni 90 per merito di un gruppo di neuroscienziati guidati dal Prof. Giacomo Rizzolatti, è considerata una delle più importanti pietre miliari delle neuroscienze. Una fama riconosciuta non solo dalla comunità scientifica ma, con intensità sempre crescente, anche da ambiti diversi, legati al mondo della psicologia, dell’educazione, della cura e, in tempi più recenti, dell’azienda.

Perché una tale fama? Perché i neuroni specchio sono le basi fisiologiche dell’empatia e dimostrano, al di là di ogni ragionevole dubbio, che la socialità è una vocazione umana. A volte capita di sentir dire che la scoperta dei neuroni specchio è un fatto vecchio, ormai superato. In realtà, non è l’anzianità di una scoperta che ne determina il valore, ma la sua reale utilità pratica nella quotidianità.

I neuroni sono un fatto concreto e attualissimo perché trovano applicazioni importanti nella vita personale e professionale di ciascuno di noi. Hanno funzioni ben precise, legate ad aspetti essenziali della relazionalità umana. L’empatia è la più importante fra queste e, in quanto capacità di sintonizzarsi sullo stato emotivo di un’altra persona, ci apre una finestra sul mondo dell’Altro, spalancandoci prospettive molteplici e variegate, anche dal punto di vista delle applicazioni in azienda. Una scoperta che dunque supera la tradizionale visione dell’empatia come un generico “mettersi nei panni degli altri”.

I messaggi sulla centralità della Persona e del Cliente che le aziende sempre più spesso propongono dimostrano l’avvicinamento a un salto di paradigma verso l’intersoggettività. L’Intersoggettività ci dice che le persone vivono e si evolvono all’interno di una relazione ed è attraverso il gruppo che raggiungono gli obiettivi e superano le difficoltà. Un approccio quindi opposto alla prassi attuale di ricercare solo ed esclusivamente in se stessi le energie e le capacità per affrontare – in solitudine - il quotidiano.

La cura della relazione diventa quindi un vero e proprio concetto di sostenibilità, che genera un “fare e stare insieme” più empatico, quindi più sano, consapevole e produttivo. È la premessa del vero lavoro di squadra.

Il discorso non cambia se ci si sposta dallo spazio fisico allo spazio virtuale. La pandemia ci ha distanziato fisicamente, ma non ha diminuito e non diminuirà mai il nostro bisogno di prossimità e di relazione.

Giacomo Rizzolatti, in qualità di neuroscienziato ci conferma che l'empatia, con i dovuti distinguo relativi al mezzo di comunicazione, può tranquillamente viaggiare attraverso le videoconferenze, perchè le riunioni on-line sono fatte da persone, strutturate per essere in relazione, anche @ distanza.

Spetta ai direttori HR, oggi, tradurre questa informazione in azioni volte a costruire una cultura d’impresa orientata alla relazione e all’empatia, anche @ distanza.

Un investimento sostenibile per definizione!


lautunno digitale di lugano 2020

Kindacom e ISSA - International Soft Skill Association all’Autunno digitale di Lugano Living Lab

Kindacom Scrittura Strategica partecipa insieme a ISSA - International Soft Skill Association al progetto Autunno Digitale 2020 organizzato dalla piattaforma Lugano Living Lab, con l’obiettivo di promuovere l’innovazione e la tecnologia al servizio della società.

Elena Pattini, PhD, Vice-Presidente del comitato scientifico Kindacom Scrittura Strategica porterà la nostra esperienza sull’empatia applicata alla vita professionale e personale, integrandola con i contributi di autorevoli relatori che a loro volta esploreranno altre importanti competenze trasversali.

L’appuntamento è per il prossimo 6 ottobre 2020.  Segui le micro-conferenze di approfondimento su ciascuna Soft Skill e, se vuoi condividere un’esperienza o un punto di vista, partecipa con un video al contest collegato all’iniziativa.

Per seguire le conferenze e partecipare al contest clicca qui.


Senza titolo

Comunicazione @distanza insieme ad AIDP

Lo scorso 15 settembre è andato in onda il webinar “Attenzione e responsabilizzazione nella comunicazione @distanza” nato da un’iniziativa congiunta Kindacom Scrittura Strategica e AIDP Piemonte e Valle D’Aosta. Relatrice Elena Pattini, PhD, Vice Presidente del nostro Comitato Scientifico. Ha moderato l’evento Serena Candeo, Trainer, consulente e partner Praxi.

Fra gli argomenti trattati, un approfondimento sul significato di empatia dal punto di vista scientifico e sul suo funzionamento, oltre a una serie di consigli pratici su come affrontare la comunicazione a distanza in modo empatico.

Molto interessanti le considerazioni emerse circa il ruolo della funzione HR in azienda sul tema empatia-engagement. Infatti, “l’engagement non nasce con la firma del contratto di assunzione, ma si costruisce col tempo e con la fiducia” ha sottolineato la Dott.ssa Pattini.

L’evento fa parte delle “Digital Conference” organizzate da AIDP Piemonte e Valle D’Aosta.

Per maggiori informazioni su queste tematiche, info@kindacom.com.


Schermata 2020 09 04 alle 16.37.32

SAVE THE DATE - Webinar gratuito - “Attenzione e responsabilizzazione nella comunicazione@distanza”

Kindacom e AIDP - Associazione Italiana per la Direzione del Personale insieme per parlare di “Attenzione e responsabilizzazione nella comunicazione@distanza” in un webinar gratuito e aperto a tutti tenuto dalla Dott.ssa Elena Pattini, Phd, psicologa e Vice Presidente del Comitato Scientifico Kindacom.

Nel corso del webinar, moderato da Serena Candeo, Trainer, consulente e partner Praxi, si affronteranno i meccanismi comunicativi e cognitivi legati alla comunicazione a distanza da un punto di vista neuroscientifico, con consigli pratici per massimizzare le nostre capacità comunicative nel lavoro a distanza.

L’evento, che fa parte delle “Digital Conference” organizzate da AIDP Piemonte e Valle D’Aosta, si terrà il prossimo 15 settembre alle ore 18.

Per informazioni e registrazioni vai su:

https://www.aidp.it/events/attenzione-e-responsabilizzazione-nella-comunicazione-distanza.php


Senza titolo

Leonardo da Vinci e le neuroscienze: pensieri per una sostenibilità senza tempo

“Hor non vedi tu, che l’occhio abbraccia la bellezza di tutt’il mondo?” Con queste parole, Leonardo da Vinci, genio indiscusso del Rinascimento Italiano, esprimeva l’esistenza di una relazione profonda fra l’uomo e il mondo circostante e, con essa, l’esistenza di un vedere che andava oltre il semplice guardare, dallo studio meticoloso della natura fino alla completa comprensione di un fenomeno.

Osservazione, dunque. Uno strumento indispensabile per vivere il valore di ciò che ci circonda, dall’Ambiente alle Persone. Uno strumento che tuttavia oggi sembra stia perdendo il suo significato più intenso, a favore di una certamente più intensa superficialità. Tutto corre troppo veloce per soffermarsi, sia nella vita personale che in quella lavorativa.

Come afferrare dunque una realtà che corre così spedita? Fermandosi. Può sembrare un paradosso, ma investire tempo, cogliere i dettagli attraverso un’osservazione sistematica, permette di instaurare con la realtà una relazione di comprensione profonda. Chi si occupa seriamente di questioni ambientali lo sa benissimo. Così come noi, che approfondiamo le neuroscienze applicate all’impresa, sappiamo che quella parte di realtà fatta di persone richiede altrettanta cura e impegno. Qui l’osservazione attenta diventa strumento che costruisce connessioni di empatia, di reciprocità, di collaborazione.

In azienda, è compito delle Risorse Umane (HR) creare le condizioni affinché la collaborazione scaturisca naturalmente da un contesto di relazioni basate sulla reciprocità. Compito più delicato e urgente in questo momento in cui molte aziende devono mantenere vivo il senso di comunità fra il personale in smart working.

Sostenibilità è anche capacità di osservazione. Una importante competenza trasversale che alcuni possiedono naturalmente, ma che in ogni caso si può acquisire, formare e allenare. Una soft skill che possiamo tranquillamente inserire nella cassetta degli attrezzi degli HR. Conoscere le persone dell’azienda permette infatti di individuare le azioni migliori per generare engagement e risultati.

Per Leonardo la scienza è il capitano e la pratica i soldati, come a dire che è la teoria a dare la direzione all’esperienza. Osservare è un’attività scientifica e le neuroscienze sono un punto di osservazione privilegiato dei comportamenti umani. Per farlo bene, serve indubbiamente “occhio”, perché “Chi perde il vedere, perde la veduta e la bellezza de l’universo (…)”.


formazione

Kindacom insieme al Laboratorio della Sostenibilità per una formazione all’insegna del cambiamento e dell’innovazione

moduli formativi - laboratorio della sostenibilità

Alla luce del momento attuale, dove la pandemia di Covid19 sta rivoluzionando i tradizionale modelli di business, Kindacom Scrittura Strategica, grazie alla collaborazione con il Laboratorio di Sostenibilità  diretto dal Prof. Michele Piano, ha costruito tre moduli formativi dedicati alle competenze trasversali in materia di comunicazione, empatia e stress.

I temi affrontati sono:

  • La neuroscienza dell’empatia: programmati per l’interazione
  • Investire sulla relazione per limitare gli effetti dello stress
  • Aumentare l’empatia nella relazione: tecniche di comunicazione verbale e non verbale

I moduli formativi sono collegati ai Corsi di Alta Formazione Universitaria in Business Analysis for Executive e in Facility Management proposti da UNIRSM- Università degli Studi della Repubblica di San Marino e sono finanziabili dalle borse di studio erogate dal Finanziamento Covid19 e Formazione 5.0.

I posti disponibili sono 100.

Iscrizioni fino al 30 giugno 2020.  Clicca qui per scaricare il modulo.